Comunicato di don Giacomo Milianta