Ritornano in Chiesa le statue della B. V. Maria di Lourdes e di Santa Bernardette dopo il restauro

Dopo il completamento del restauro sono ritornate a splendere nella Chiesa Santa Maria degli Angeli le bellissime statue della B. V. Maria di Lourdes e di Santa Bernardette.
Il gruppo statuario, in gesso, comprende la scultura della Vergine Maria e di Santa Bernardette Soubirous così come descritta dalla stessa giovane dopo le apparizioni (11 febbraio – 16 luglio 1858) fu commissionata da mons, Teotista Panzeca (Arciprete e Rettore della Chiesa) nel 1958 in occasione del I centenario delle stesse apparizioni. Fu comprata a Palermo presso la ditta Monteleone e serviva a realizzare due obiettivi: celebrare solennemente anche a Caccamo il centenario e realizzare una cappella in onore della Madonna per rendere omaggio alla preziosa opera educativa e di cura della chiesa delle Suore Terziarie Cappuccine della Madonna di Lourdes di Cinisi presenti fin dal 1927 (per iniziativa del can. Pietro Barreca) . A tale scopo fu rimossa la grande tela raffigurante il domenicano San Giacinto di Polonia esistente nella seconda cappella a destra della navata e, venne riprodotta in gesso ad opera del giovane artista caccamese Giovanni La Rosa, la grotta di Massabielle e quindi ivi collocato il gruppo statuario.
Per decenni la cappella fu al centro di un culto particolare alla Madonna di Lourdes promosso e incentivato dalle buone suore Cappuccine ed esistente fino al 2006, quando venne distrutta la grotta e rimosso il gruppo scultoreo per iniziativa di don Nicasio Galbo attuale Rettore, per realizzare la nuova cappella che custodisce l’urna con le reliquie del Beato Giovanni Liccio che fu benedetta il 21 maggio 2006 dal Cardinale Salvatore Pappalardo, Arcivescovo emerito di Palermo.

A cura di padre Giovanni Calcara, o.p.